Contro lo strapotere bancario

Vi racconto come le banche rovinano le micro-imprese italiane: storia di un errore di cui nessuno vuole assumersi la responsabilità. La risposta del Ministero dello Sviluppo Economico

Oggi farò qualcosa che non amo particolarmente: parlerò di me, o meglio, di parte del mio lavoro. E di come, nonostante l’impegno, la correttezza, le garanzie e quant’altro, esiste sempre qualcosa al di fuori della tua volontà che vanifica tutti i tuoi sforzi: il sistema bancario italiano.

Ne parlo oggi perchè ho ricevuto una mail dal Consigliere per le relazioni esterne del Ministro Scajola, Gian Andrea Cerone, a seguito di una mia missiva, mandata a tanti, troppi forse, parlamentari, governo, associazioni, quotidiani e non mi ricordo neppure più a chi. Gian Andrea Cerone è l’unico che mi ha risposto, anche se a distanza di due mesi, tempo comprensibile.

Vado per ordine.

Si parla tanto di crisi economica, ma da chi è stata causata?

Qualche idea, nel mio piccolo, me la sono fatta: gli speculatori.

In Italia i peggiori si chiamano banche: fino a che hanno potuto, hanno sfruttato il monopolio del sistema creditizio, applicando tassi di interesse e spese assurde e non giustificate o giustificabili.

Mi ricordo, ad esempio, un articolo del Decreto Bersani che eliminava le spese di chiusura di un conto corrente. Ebbene, in quel periodo ho cambiato banca, chiudendone due in Banca Intesa. Per entrambi mi sono vista addebitare circa 60 euro ciascuno con la dicitura “chiusura”; a tutt’oggi, nonostante le mie richieste, non si sa per quale motivo: ovviamente non sono stati rimborsati.

Che fine facevano i nostri soldi? Semplice, seguivano linee di investimento, ma non di quelle che vengono proposte ai clienti, perchè hanno una rendita ridicola. No, le banche prendono soldi, addebitano spese, interessi e via discorrendo, e li investono guadagnandoci. Alta finanza, la chiamano.

E quando questi investimenti si traducono in perdite? Bè, è crisi economica.

Semplicistica visione, lo ammetto
, per di più appartenente ad un piccolissimo imprenditore che certo non vanta grandi conoscenze economiche o finanziarie, ma solo una discreta esperienza personale nei rapporti con le banche. La sottoscritta, per l’appunto.

Il concetto di restrizione del credito alle micro-imprese non mi ha mai toccato più di tanto, fino allo scorso anno, per la precisione a dicembre 2008.

Anno difficile, difficilissimo, specie per chi come me opera nel campo automobilistico, nell’occhio del ciclone per questa crisi. E badate bene, non fatevi influenzare dai media: trattasi di crisi di produzione, non di vendita. Tanto è vero che se oggi ordini una vettura, di qualunque marca possa essere, la aspetti e subisci ritardi di consegna. Ma non voglio entrare nel merito di questo discorso, perchè esula da quanto voglio dire oggi.

Anno duro il 2008, le aziende sono state sommerse da oneri finanziari quasi raddoppiati, nonostante i tassi di interesse siano al minimo storico. Avete mai provato a presentarvi in banca dicendo questo? La risposta è sempre quella, ma voi pagate con l’euribor a tre mesi, dovete aspettare questi tre mesi per vedere qualche miglioramento. E quando il tempo passa, allora la scusa è un’altra: è vero che i tassi sono diminuiti, ma le banche aumentano lo spread: la sostanza è che non cambia un’accidente.

Anno difficile il 2008, perchè a fronte dell’inizio della crisi mondiale, il sistema creditizio italiano, unico in Europa, si è attaccato al sistema di Basilea 2 per restringere i rubinetti del credito, imponendo rientri dall’oggi al domani senza senso, che hanno inevitabilmente messo sul lastrico tante aziende, le micro-aziende, quelle che in realtà sono il vero tessuto economico italiano, perchè sono produttive e non hanno possibilità di nascondersi dall’erario. Non parlo di liberi professionisti, ma di piccole aziende, magari a gestione famigliare con una decina di dipendenti. Una come la mia.

Certo, fa più notizia se la Fiat annuncia la cassa integrazione per 70.000 dipendenti, utilizzando questo come strumento di trattativa per aiuti finanziari. Ma se a chiudere sono 7000 aziende di 10 dipendenti ciascuna, i numeri non cambiano, non si parla di cassa integrazione ma di licenziamento, senza possibilità di scampo. I numeri, purtoppo, sono ben più elevati: 21mila le imprese in meno tra gennaio e marzo, pari ad un tasso di crescita negativo dello 0,36%, contro il -0,23% del 2007, e nessuno ne parla.

Torniamo a Basilea 2.

Quanti di voi sanno di che si tratta?

Il rating aziendale… un concetto astruso, però letale strumento nelle mani delle banche che lo utilizzano sempre di più per strozzare le aziende.

Da Wikipedia:

Basilea II, chiamato anche Nuovo Accordo di Basilea è un documento che definisce, a livello internazionale, i requisiti patrimoniali delle banche in relazione ai rischi assunti dalla stessa. Questi sono di tre tipi, ovvero, di credito, di mercato e operativi. Il “Nuovo Accordo” introduce nuove e più sofisticate metodologie di valutazione degli stessi, al fine del calcolo del relativo requisito patrimoniale.

Secondo Basilea II le banche dei paesi aderenti dovranno classificare i propri clienti in base alla loro rischiosità, attraverso procedure di rating. Dovranno, successivamente, accantonare delle quote di capitale definite in base al livello di rischio dei rapporti di credito accordati per tutelarsi dai rischi assunti.

Autore dell’accordo è il Comitato di Basilea, istituito dai governatori delle Banche centrali dei dieci paesi più industrializzati del mondo, il cosiddetto G10.

Il succo? Le banche hanno istituito una cosiddetta Centrale Rischi, dove fluiscono tutti i dati che le banche stesse comunicano, riguardanti la patrimonialità aziendale, l’esposizione, l’utilizzo del credito, i vari mutui e finanziamenti, lo sconfinamento, ovvero un utilizzo superiore di quanto messo a disposizione dal sistema.

Ha un buon patrimonio ma sconfini? Rating pessimo, ti aumentiamo il costo del denaro.
Sei un’azienda commerciale, che per definizione non necessita di una grande patrimonialità per essere redditiva? Rating pessimo, ti aumentiamo il costo del denaro.
Hai tre mutui in corso, poco interessa se li paghi bene? Sei esposto, ti aumentiamo il costo del denaro.
Ah, ovviamente, nel frattempo ti chiediamo il rientro, solo per questi dati che compaiono in Centrale Rischi.

C’è un passaggio però, che nessuno in banca dice e che invece è fondamentale: questi dati non sono automatizzati, ma vengono inseriti secondo criteri che dovrebbero essere uniformi, ma che vengono “manipolati” o meglio, adeguati, alle esigenze di ciascuna banca.

L’errore di comunicazione dei dati diventa quindi molto probabile.

E un’altra cosa che le banche non dicono: dalle loro centrali rischio, si vede solo il dato peggiore, il picco chiamiamolo, ma non chi è l’ente segnalante.

Sicchè, come ci si può difendere?

Basta andare in Banca d’Italia, chiedere la propria centrale rischi degli ultimi dodici mesi, e in quella c’è scritto tutto, chi segnala, cosa segnala, quanto segnala.

La si confronta con la propria documentazione, estratto conto ad esempio, e si verifica immediatamente chi, con presunto dolo o meno, sbaglia nel comunicare il flusso di dati. Scritto lì, tutto nero su bianco.
Si torna alla banca segnalante, si contesta l’errore: sorpresa!

LA BANCA SE NE FREGA!

Si, a me è successo questo.
Di più: si dice carta canta. Ebbene, nonostante le carte dimostrino gli errori, non solo la banca segnalante, ma tutti gli istituti con cui hai rapporti lavorativi da decenni, si attaccano a quello per aumentarti i tassi sui fidi bancari, per chiederti ulteriori garanzie (nota bene, non esiste credito aziendale che non sia garantito almeno al 150% da fidejussioni o garanzie reali), e via discorrendo.

Ma come?

Le banche non hanno avuto garanzie dal Governo per non chiudere il credito, i Tremonti Bond a cosa servono? E invece si fanno scudo tra di loro per approfittarsene ancora della situazione???

Ecco, questa è la famigerata mail che io ho inviato ovunque, a febbraio 2009, in pieno periodo di discussione di problematiche del genere. Sono rimasta delusa, mi aspettavano risposte e attenzione, persino da organi di stampa o membri dell’opposizione che avrebbero potuto trarne spunto per mettere in risalto ancora di più il problema e l’eventuale inefficienza d’intervento da parte del Governo.

Invece il nulla. Fino a stamattina.

Ecco il testo della mia mail:

Nulla si può contro lo strapotere bancario?

Mi chiamo Fidanza Rossella e sono uno dei soci di una società si occupa
della compravendita e della commercializzazione di autovetture nuove e di
occasione, certo settore considerato a rischio soprattutto ora.

Le scrivo per la forza della disperazione, nella lotta quotidiana sempre più
vana contro il cattivo operato delle Banche, che dimostrano di fare ciò che
vogliono con le piccole imprese, alla faccia della correttezza contrattuale.

A settembre del 2008, una filiale della Banca Popolare di Bergamo – Credito
Varesino, ora Ubi, con la quale intratteniamo cospicui, per loro più che per
noi, rapporti lavorativi da più di 12 anni, a seguito della fusione in
corso, non ci avvisava della loro impossibilità temporanea di eseguire il
rinnovo annuale del fido di cassa, per problematiche relative al cambio
delle loro procedure, dicendoci al contrario che era tutto a posto, poichè
tra l’altro il controllo sulla documentazione richiesta era partito al
luglio precedente.

Questo ci ha causato un notevole danno, nel senso che a fine dicembre 2008,
all’atto di rinnovare annualmente un fido di cassa con un’altra banca,
Credito Valtellinese, con la quale intratteniamo rapporti lavorativi da
quasi 10 anni, venivamo avvisati dalla medesima del fatto che in centrale
rischi per il periodo di settembre, ottobre e novembre era segnalato un
nostro sconfino, casualmente per l’importo del fido Ubi.

Ubi quindi, nonostante ci avesse rassicurato sul rinnovo avvenuto,
per problematiche loro interne, non aveva concretizzato la pratica e ha
segnalato uno sconfino su un conto che noi credevamo a pieno utilizzo.

Il risultato è stato che il Credito Valtellinese ci ha dimezzato il fido di
cassa a scadenza, da un giorno all’altro, proponendoci per l’altra metà un
fido a scadenza, giusto il tempo di vedere questa famigerata Centrale rischi
a posto, dopo che l’Ubi banca si fosse degnata di perfezionare la pratica
(che, in caso di bilanci in ordine, movimentazione corretta e gestione
precisa dovrebbe praticamente essere un discorso d’ufficio).

Oggi vengo a sapere da un’altra banca con cui lavoriamo, per la stessa
ragione del rinnovo annuale del fido, che a dicembre la Ubi banca ha fatto
un’ulteriore segnalazione di sconfino, ancora perchè la pratica non
risultava perfezionata per loro.

Ma me lo hanno comunicato solo un’ora fa, dietro mia richiesta di
spiegazioni, nonostante fino a ieri avessero spergiurato che fosse tutto in ordine.
(Per la cronaca, la UBI banca non si è ancora degnata di rispondere ad una nostra domanda per
iscritto di conoscere l’ammontare delle fideiussioni versate dai soci. Ad
oggi non siamo informati dell’importo, o meglio, il problema è nato da una
lettera recapitataci tre anni fa, dove, SENZA ULTERIORE DEPOSITO DI FIRMA O
FIDEJUSSIONE rispetto a quelle versate più di 10 anni fa, il Credito
Varesino vantava una garanzia di 4 volte superiore a quella da noi versata.)

Risultato? Altro fido di cassa tolto, dall’oggi al domani.

Il tutto non per motivi concreti o per insolvenza dell’azienda, ma per un
errore, di cui nessuno si assume le responsabilità.

Posso dimostrare in qualunque momento, con tanto di estratti conti inviati
dalle stesse banche che segnalano in centrale rischi, che la segnalazione è
sbagliata, che non esiste nessun fuori fido. Ho in mano la documentazione
della Banca d’Italia che dimostra che quanto comunicato in centrale rischi non
corrisponde a realtà.
Ma la risposta delle banche è quella: anche se dimostri qualunque cosa, per noi
vale solo la nostra centrale rischi.

Da un mese all’altro ci troviamo con affidamenti ridotti, e questo sta
creando non pochi problemi alla nostra sopravvivenza, nostra e dei nostri
dipendenti.

Possibile che non esista modo per tutelarsi?

La disperazione di scontrarsi contro un muro di gomma. Perchè qualunque
sforzo si faccia, o ti chiami Fiat oppure sei carne da macero.

Per quanto riguarda poi il problema fideiussioni, ho fatto una richiesta
direttamente in Banca d’Italia, ed è risultato che tutte le banche con cui
lavoriamo dichiarano garanzie più alte di quante ne abbiamo versate,
addirittura c’è una Banca, con la quale abbiamo chiuso i rapporti due anni
fa, che tutt’ora segnala la fideiussione come esistente, nonostante una
nostra richiesta scritta all’atto della chiusura del conto corrente di
manleva.

Sono impotente. Ho sentito tanto parlare dei decreti di garanzia del Governo
che dovevano servire ad evitare che le Banche all’improvviso e senza motivo
chiudessero il credito alle piccole e medie imprese, ma nella realtà da due
mesi a questa parte è quello che stanno facendo.

Non solo.

Diminuisce l’euribor, ma le Banche alzano lo spread, cambia nulla.

Diminuiscono i tassi, ma le Banche raddoppiano i tassi di interesse sui fidi
di cassa, basandosi sul rating della famigerata Basilea 2 che si fonda anche
sulle segnalazioni in centrale rischi. Sono sbagliate? Meglio per le banche:
hanno la scusa per chiudere il credito o meglio ancora, per aumentare gli
interessi che fanno pagare.

Qualcuno può aiutare noi piccoli a non essere mangiati dai pescecani?

E oggi la risposta di Gian Andrea Cerone, che ringrazio perchè unico fra tutti quanto meno a degnarmi di attenzione e di consigli:

Gentile signora Rossella Fidanza,

il caso che mi porta all’attenzione è veramente deplorevole, perché dimostra
come si possa abusare del potere di mercato riversando i costi della propria
inefficienza sulle spalle del cittadino o dell’imprenditore.
Contro gli abusi del sistema bancario il Governo ha già preso provvedimenti,
come quelli tesi a limitare il livello dei tassi bancari sui mutui per la
casa, a sopprimere alcuni ingiustificati oneri su operazioni bancarie, a
fornire alle piccole e medie imprese maggiori possibilità di ottenere
credito attraverso l’incremento delle garanzie erogate dall’apposito Fondo,
e ad ampliare le erogazioni di credito alle imprese attraverso appositi
protocolli con le banche.
Queste misure dovrebbero fare sentire appieno i loro benefici effetti nei
prossimi mesi. Ma il suo caso è particolare, anche se non unico. Ritengo al
riguardo che, a parte le vie giudiziarie, un buon approccio consisterebbe
nel rivolgersi direttamente all’Ombudsman bancario, che è competente a
trattare casi simili e che ha già dimostrato la sua efficacia.
Resta naturalmente aperta la via del Parlamento per disciplinare queste
attività, quando si compiono simili atti.

Con i migliori saluti,

Gian Andrea Cerone
Consigliere per le relazioni esterne del Ministro Scajola

Seguirò il consiglio.
Per la cronaca, il mio legale un mese e mezzo fa, a fronte di persistenti segnalazioni erronee, ha inviato missiva per spiegazione formale ad Ubi Banca, di cui riporto uno stralcio:

Il danno derivante da tale condotta, qualora le segnalazioni si rivelassero
effettivamente arbitrarie e non giustificate, appare evidente, e fin d’ora
la mia assistita ne chiede il ristoro riservandosene la quantificazione. Ma
ancor prima, avanzo formale intimazione di revoca e cancellazione delle
suddette segnalazioni, e Vi chiedo di esplicitarmi i criteri in base ai
quali sono state inoltrate. In mancanza, la mia assistita si rivolgerà all’autorità
giudiziaria per la tutela dei suoi diritti.

UBI BANCA NON HA ANCORA RISPOSTO.

Viva il sistema bancario italiano!

Lascia un commento

42 thoughts on “Contro lo strapotere bancario

  1. l’AZIENDA CHE RAPPRESENTO è STATA ROVINATA DAL SISTEMA BANCARIO,I POLITICI NON SI SONO MOSSI,
    NONOSTANTE ABBIAMO MOLTI MILIONI DI EURO DI COMMESSE,POTEVAMO GARANTIRE LAVORO ALLE AZIENDE COLLEGATE
    PER TUTTO IL 2009, IL RISULTATO REVOCA DEI FIDI,
    E CASSA INTEGRAZIONE.E QUESTO E UN PAESE DOVE NOI
    IMPRENDITORI DOBBIAMO CREDERE, IO POTREI SCRIVERE UN LIBRO DI COME SI SONO COMPORTATE LE
    ISTITUZIONI. CON RAMMARICO .

  2. giangi briamo il said:

    Sono assolutamente daccordo che siamo carne da macello , io per un problema (della banca ) ormai non dormo piu’ …….

  3. Non c’entra nulla…e mi scuso…ma volevo chiederti come mai sono scomparsi i link e in particolare il mio… 🙁

  4. Max, non mi ero neppure accorta, qualche giorno fa stavo sperimentando e mi sa che ho fatto un danno, rimedio subitissimo!!!

  5. Nessun problema , ci mancherebbe 🙂 ho immaginato che fosse una svista dato che hai cambiato il look del tuo blog…
    Ciao 😉

  6. Dear Sir/ Madam,

    My name is Steve Martin. I am the editor of Wooden Spears where we regularly update Hollywood Celebrity Gossip of top celebrities such as Britney Spears, Paris Hilton, Lindsay Lohan, Beyonce, Zac Efron, etc. We are at Google’s high PR with years of experience in this segment and this Portal is an avenue for me to share my knowledge, experience and fascination with the world.

    I am writing to see if you would be interested in setting up reciprocal links. The information and services offered on your site would be of great value to our visitors, and I believe, your visitors would find great value in our Blog Portal, because our sites are complementary & competitive. I see the synergy here as an opportunity for our mutual benefit.

    You link to me and I will link back you in my website. This way we can both have quality high PR site pointing to our sites.

    My URL: http://www.woodenspears.com
    My Link Text: 1 Black Gossips

    Please forward your preferred link text and URL to me so that I can link back to you immediately.

    Looking forward to a positive response from you.

    Best Regards

    Steve Martin
    http://www.woodenspears.com

  7. giancarlo il said:

    “Il mercato” una grande bufala, una landa sconfinata dove i caimani possono scorrazzare liberamente.
    Al di sopra di tutto ci dovrebbe essere la collettività con i propri rappresentanti che devono essere scelti con attenzione e sostituiti appena non si dimostrano all’altezza ma ho paura che sia un po’ tardi.
    Facciamoci tanti auguri

  8. Piu che una bufala è una giungla molto complicata da esplorare.
    Piena di trappole per gli incauti e gli sprovveduti che credono di entrarci come fosse un gratta e vinci , ma molto interessante e ricca di opportunità per chi ha voglia e tempo di studiarne i meccanismi e le reali possibilità di guadagno.
    Come si suol dire ” per molti, ma non per tutti “.

  9. CLAUDIA il said:

    Lavoro in una piccola impresa diciamo”familiare”, sempre in regola con fornitori e con i problemi che hanno tutte le piccole imprese.Ho una domanda, forse sciocca, da porvi.Si tratta del rapporto con le banche che ultimanente ci ha creato non pochi problemi sia con i fornitori etc etc.
    domanda:fido dimezzato qualche anno fa.Poco lavoro.Richiesta di aumento, quest’anno a causa disponibilita’ per l’entrata di un grosso lavoro.Risposta: devo valutare la centrale rischi.Sicuramente ci siamo.Se vogliamo pagare i dipendenti, i fornitori, le tasse presentiamo piu’ portafoglio di quanto ce ne hanno accordato.O cosi’ o cosi’…non si scappa.Allora avendo disponibilita’ di lavoro e portafoglio (per fortuna) sono un soggetto a rischio.Ma e’ giusto che le banche abbiano questi comportamenti incomprensibili???scusate lo sfogo..ultimamente….e’ cosi’, ma le figure di m… fatte con clienti e fornitori
    ventennali e’ vergognoso.Potete dirmi il vostro pensiero.grazie mille. Claudia

  10. Questo ormai è un problema grave e cronico del nostro sistema bancario ed economico. Lo stesso problema si presenta nella ditta in cui lavoro…clienti che posticipano all’infinito i pagamenti nonostante abbiano dimezzato gli ordini , banche che non concedono nulla anche a fronte di trasparenti e puntuali pagamenti di leasing e mutui, politica assente ( o quasi ) per sostenere imprese che nonostante la crisi hanno ambizioni e voglia di crescere…e quindi ecco puntuale il ricorso massiccio alla cassa integrazione, quando va bene.
    La cosa che davvero lascia interdetti , se non furibondi , è che gli stessi protagonisti di questa colossale crisi globale ( banche e colossi finanziari irresponsabili ) sono quelli che ora si rifiutano di aiutare concretamente la rinascita sociale ed economica delle imprese che sono le prime vittime ( e con loro noi dipendenti ) di quella sciagurata gestione finanziaria globale. Hanno ricevuto aiuti in tutti i modi, presentano bilanci ottimi, stanno risalendo velocemente nelle quotazioni sui mercati e ora storcono il naso davanti alle richieste di aiuto e liquidità ?? Pazzesco e criminale ! Hanno causato una crisi senza precedenti e incuranti di ciò rischiano di provocare una catastrofe sociale ed economica forse irreparabile. Dov’è la politica seria, intelligente e veramente al servizio del cittadino , della comunità e del mondo del lavoro quando serve ?

  11. Giovanni il said:

    Sono interessato a questi commenti. Io devo chiudere un conto con la S. Paolo, però loro non mi danno esattamante quanto devo pagare per chiuderlo. la ragione è perchè quando arriva il bonifico, le cose cambiano ed i conti non sono esatti. Pazzeso se nonb ladri.
    Le banche hanno causato una crisi economica di proporzioni bibliche, però io devo pagare a loro il tutto ma loro riescono a pagare una percentuale agli investitori di quanto hanno investito malamante (Parmalat e Cirio so no esempi tipici)

  12. Questo ormai è un problema grave e cronico del nostro sistema bancario ed economico. Lo stesso problema si presenta nella ditta in cui lavoro…clienti che posticipano all’infinito i pagamenti nonostante abbiano dimezzato gli ordini , banche che non concedono nulla anche a fronte di trasparenti e puntuali pagamenti di leasing e mutui, politica assente ( o quasi ) per sostenere imprese che nonostante la crisi hanno ambizioni e voglia di crescere…e quindi ecco puntuale il ricorso massiccio alla cassa integrazione, quando va bene.La cosa che davvero lascia interdetti , se non furibondi , è che gli stessi protagonisti di questa colossale crisi globale ( banche e colossi finanziari irresponsabili ) sono quelli che ora si rifiutano di aiutare concretamente la rinascita sociale ed economica delle imprese che sono le prime vittime ( e con loro noi dipendenti ) di quella sciagurata gestione finanziaria globale. Hanno ricevuto aiuti in tutti i modi, presentano bilanci ottimi, stanno risalendo velocemente nelle quotazioni sui mercati e ora storcono il naso davanti alle richieste di aiuto e liquidità ?? Pazzesco e criminale ! Hanno causato una crisi senza precedenti e incuranti di ciò rischiano di provocare una catastrofe sociale ed economica forse irreparabile. Dov’è la politica seria, intelligente e veramente al servizio del cittadino , della comunità e del mondo del lavoro quando serve ?
    +1

  13. ughetta il said:

    salve,
    proprio oggi una delle banche con cui lavoriamo ci ha comunicato che non possono rinnovarci il fido (premetto che benchè indebitati tutto è in regola ), lo stesso fido che loro stessi ci avevano offerto un anno fa quando eravamo più indebitati di adesso
    Come scappatoia mi propongono di sottoscrivere un piano di accumulo con versamenti mensili…….così ci sono buone probabilità che il fido venga rinnovato:come ci si difende da questo?

  14. fabrizio il said:

    Secondo me possiamo fare qualcosa contro le banche basta organizzarsi .Per una reazione immediata allo strapotere delle banche una azione semplice potrebbe essere: controllare la raccolta di denaro su base territoriale per poterla reindirizzare.Perciò io propongo di costituire, località per località, una associazione di contocorrentisti in modo da raggiungere numeri di associati consistenti nell’ambito territoriale di una banca o sua filiale,così da poter togliere da quella banca o filiale centinaia-migliaia di conticorrenti dalla sera alla mattina.L’effetto potrebbe essere come “distruggere quella filiale” senza usare violenza e tutto credo legale (questo aspetto deve essere approfondito).Una tale associazione per sua natura non ha collocazione politica perchè agisce solo nell’interesse del cittadino e potrebbe avere effetti considerevoli sul sistema economico locale costringendo le banche a trattare tassi di interessi e prestiti.

  15. MARIO il said:

    …Ad un mio parente che chiedeva informazioni circa delle cifre su di un estratto conto non “chiaro un funzionario della banca nazionale del Lavoro di Campobasso gli ha risposto… “NON MI ROMPA I COGLIONI”.
    CHE VERGOGNA!!!

  16. Roberto il said:

    Come si fa sono andato in banca per cambiare un assegno della stessa banca (cassa di risparmi di Forlì e della romagna
    E mi dice la tipa non posso cambiarlo perché non c’è la data e luogo
    Ed io le dico mi dia una penna che lo compilo
    A sua responsabilità ma non può perché sull assegno c’è scritto in blu e noi in banca abbiamo solo biro nere! Non me la cambiato ed ho il conto anche li da loro ma stiamo scherzando!!! Merde dovreste bruciare tutte

  17. mauro il said:

    non’è possibile mandare un padre di famiglia alla rovina…oggi mi è scaduta l’assicurazione dell’auto, con immediatezza mi precipito a pagarla via web con la mia carta di credito della CREDEM, premetto che sono correntista da 24 anni e non sono mai andato in rosso, dopo avere inserito le credenziali, numero e codice della carta la schermata va in errore, chiamo la genertel e mi dicono che la mia carta è stata bloccata, chiamo subito la banca e mi rispondono che la carta è sospesa perché non ho pagato una rata del mutuo. Ho sempre pagato regolarmente il mutuo, ho sempre regolarizzato tutti i mesi la rata per 10 anni, solo per quest’ultima rata a causa di alcune difficoltà per un recupero credito in corso chiamai il direttore dicendo di attendere qualche giorno. questo è il risultato, senza alcun avviso mi hanno bloccato Bancomat e carta di credito. BUON NATALE e ricordiamoci del Credem che dopo 24 anni di conto corrente sempre in attivo questa e la loro risposta. Stronzi

  18. Ciao Mauro, sai che credo che ti abbiano fatto un illecito mica da ridere.
    La carta di credito va in un canale diverso rispetto a qualsiasi altro bancario, e se tu hai sempre pagato la carta di credito il suo blocco è un blocco abusivo del credito ed è un reato. Purtroppo le banche ricorrono spesso a questo espediente, proprio perchè sanno di mettere in difficoltà le persone, sono peggio che stronzi, sono delinquenti. Cerca sul blog l’articolo sui mutui trasformati a tasso zero per obbligo di legge a seguito delle recenti sentenze della cassazione, potresti trovarti un bel regalo sotto l’albero e metterla in quel posto a queste carogne!
    Nel caso scrivimi a [email protected] ti spiego come fare. Coraggio, siamo tutti nella stessa barca, ma riusciremo a rimettere le banche a posto.

  19. Complimento per l’articolo! ho ascolatato il podcast di italo cillo e lo cercata. ho solo un dubbio questo sistema di sciopero fiscale funziona con le tasse o anche con i contributi inps? grazie in anticipo Irene

  20. Ben arrivata Irene, funziona anche con i contributi inps ma con due specifiche. La prima è che se devi versare contributi inps di dipendenti, esiste una parte a carico dell’azienda che se non viene versata concretizza un reato penale, quindi quella parte è bene sempre versarla, anche se comunque prima di qualsiasi denuncia l’inps manda una diffida con la possibilità di pagare quella parte con ravvedimento operoso, entro 60 giorni dal ricevimento della raccomandata, e per il resto chiedere una rateizzazione. La seconda specifica è che l’inps è molto più veloce nei tempi di controllo rispetto all’Agenzia delle Entrate, quindi i primi avvisi bonari non arrivano nel corso dell’anno e mezzo ma di solito entro 8/9 mesi dalla scadenza. Certo è che con l’incorporamento dell’indap all’inps, si è creato un buco nero, quindi anche in questo caso il segnale arriverebbe forte e chiaro, e qui ti assicuro non serve un anno, ma bastano due mesi, neppure il tempo che ti esca la diffida.

  21. Vittoriano Mezzi il said:

    Ti chiedo se contro l ‘ usura bancaria legalizzata
    puoi contribuire a far conoscere e firmare
    la petizione seguente
    (che sicuramente conoscerai) :

    Firma la petizione “CONTRO L’USURA LEGALIZZATA – PER LA …
    http://www.firmapetizione.it/usura-legalizzata/‎
    15/gen/2014 – La Banca Centrale Europea attualmente presta il denaro alle banche commerciali al tasso dello 0,25%. Le banche commerciali erogano …

    POLITICAMENTE,
    tale Petizione
    può essere usata
    per verificare, di fronte agli Italiani
    chi sta dalla parte della Casta
    e
    chi, invece,
    sta dalla parte del “POPOLO ITALIANO”

    Grazie

  22. Vittoriano Mezzi il said:

    Invalida la ratifica dei trattati europei – invalida – ratifica … – Iconicon
    http://www.iconicon.it/blog/2013/12/invalida-la-ratifica-dei-trattati-europei/‎
    06/dic/2013 – Effetto “collaterale” della sentenza della Corte Costituzionale: delegittimata la ratifica dei trattati europei. di Luciano Lago.
    Dopo la sentenza …

    Perché
    stante la sentenza della Corte Costituzionale
    non ” i m p u g n i a m o ”
    la ratifica “italiana” dei Trattati europei
    presso la Corte di Giustizia della Unione Europea ?

  23. grazie della risposta rossella. io non ho dipendenti, solo io. come devo fare per pagare in rate i contributi inps che sono da versare? stessa procedura che nell’agenzia delle entrate?
    grazie

  24. Ciao Irene,

    prima che ti arrivi la cartella esattoriale, puoi recarti all’Inps, spiegare la tua situazione di crisi e con grande facilità l’Inps rateizza, ma in tempi più brevi rispetto ad Equitalia, con la differenza che ti costa molto meno.
    Scrivimi a [email protected], ti dovrei fare delle domande più dettagliate per aiutarti meglio, e chiaramente voglio tutelare la tua privacy 🙂 In questi giorni sto facendo dentro e fuori dall’ospedale, ma tranquilla che rispondo 🙂

  25. Comprendendo che tanti privati e imprenditori subiscono quotidianamente le situazioni da voi citate e sentendo la necessità di tutelarci abbiamo creato:
    http://www.votalabanca.it la prima “centrale rischi” che raccoglie e condivide le segnalazioni dei correntisti. Il progetto è appena partito ed è gradito il supporto di tutti.

    Per tutte le informazioni vivitate:
    http://www.votalabanca.it

    Ciao a tutti.

  26. fra il said:

    sono in ritardo di 4 anni con il mutuo casa, l’anno scorso ho versato una cospicua cifra per
    riagganciarmi alle normali scadenze delle rate ma gli interessi sugli interessi hanno mangiato meta
    (praticamente) della mia somma versata. un paio di mesi dopo il versamento hanno cominciato a
    chiedere nuovi versamenti che nn ho più fatto. Quest’anno mi sono presentato con una lista civica e
    nel programma amministrativo ho scritto che avrei voluto istallare in comune un ufficio contro lo
    strapotere bancario. CAPIRAI QUANTO SONO CON TE IN QUESTA BATTAGLIA. grazie, se
    puoi aiutarmi

  27. Ciao sono un artigiano di Torino
    La mia Crisi inizia nel Agosto 2008 in quel mese mi trasferivo in un loccale più grande ,si cercava di ampliare la produzione ,le spese per ristrutturare il locale erano alte nuovi aquisti per macchinari nuove assunzioni ecc.
    Vedevo un futuro per quello che dopo anni di sacrifici ti aspetti
    Dal quel mese e crollato il mondo ,le banche ti succhiano il sangue anche se non ne e rimasto oggi 2014 dopo che ho dovuto per forza maggiore lapidare i miei risparmi di una vita mia moglie compresa mi rimane un debito di 300.000,00 € il 1 Luglio 2014 compio 61 anni ,che felicità mi devo preoucupare come faremmo in due a pagare le banche-fornitori dipendenti affitto del locale tasse iva indietro di 4 anni e tutto quello che vi viene in mente bè cè pure quello ( andare in pensione ? ) non ci penso devo pensare a non farmi buttare in mezzo a una strada ho chiesto AIUTO a tutti ma nessuno ti aiuta
    nella mia posizione le banche avendo il rating talmente alto dovuto a cattivi pagatori e nullatenenti ti chiudono il conto e come faccio a lavorare anche essendocene poco e difficilissimo
    qualquno sa dirmi come fare contro un nullatenente ?
    Lavvocato mi dice e solo un cattivo pagatore quindi non possiamo nemmeno denunciarlo.
    non capisco perchè gente simile e protetta dallo stato e dalle leggi vigenti ,aprono partita iva sedi operative di tutto di più e fanno la bella vita non pagano le tasse e i fornitori sono dellinquenti a piede libero rovinano la aziende come la mia nel 2008 avevo ancora 10 dipendenti oggi 2 e faccio fatica a darle lo stipendio noi viviamo alla giornata con molta difficoltà
    Questo non he tutto , non riesco a scrivere altri commenti mi viene l’affanno scusate
    Un saluto da Luciano

  28. ciao Luciano, non hai idea di come ti capisco.
    Prima cosa fai un bel respiro.
    Seconda cosa, non sei più solo.
    L’avvocato ti dice una serie di castronerie, lascialo perdere.
    Ti posso dire che le banche al 99% ti hanno applicato usura, e quindi risulti tu essere creditore e non debitore. Ma questo nessuno lo dice, o meglio, magari lo dicono, ma non agiscono perchè o non sanno come muoversi, oppure lo fanno strozzinando la gente.
    Io supportata da MBI agisco, concretamente e senza chiedere nulla. Scrivimi [email protected], io sono l’emblema vivente che si può riuscire ad uscire da questo tunnel. Ti aiuto io. Un abbraccio e coraggio mi raccomando non mollare. Ross

  29. franco luis ferrise il said:

    sono piu di due anni che corro avanti e indietro,affidandomi a chi possa darmi una mano,tutte le volte che mi hanno messo in mano ad un avvocato,ho sempre gentilmente chiesto di poter conoscere le azioni e i costi
    di determinate procedure,perchè non essendo ricco,ma vivendo del solo lavoro di artigiano,avevo necessita di conoscere quali erano gli impegni economici da affrontare in visione di una procedimento o altro,la cosa simpatica che tutti hanno cominciato con il dire,ma non si preoccupi adesso facciamo cosi,pii cosi,faccia questo versamento iscriviamo la causa,facciamo questo facciamo quello,ed io di corsa a fare copi,fotocopie,depositare
    spendere quel poco che avevo in tasca,cercando di fare da me quel che potevo fare per economizzare le spese,affrontiamo la banca,mi fanno la perizia sul mutuo,porto le carte da un avvocato mi fa l’opposizione al precetto,dopo quattro mesi mi sento dire,ma guardi che per fare opposizione al pignoramento ci vogliono
    1000 euro piu o meno,e me lo dite adesso ? non me lo potevate dire al momento dell’opposizione avrei avuto tempo per metterli insieme quei soldi e va bene,passiamo al secondo avvocato 200 euro per venire a taranto,pagati gentilmente dalla sig.a wally di federitalia,seconda udienza,invio 100 euro di acconto con posta pay e preparo altri 100 euro da consegnarli appena arriva a taranto,ma la mattina della convocazione i tribunale non vedendolo arrivare chiamo e mi risponde che si era confuso,e che non poteva venire,ma i 100 euro se li e presi.passiamo ad un altro avvocato,il quale mi dice di lasciar perdere la perizia e di fare un accordo con la
    banca,ma come lo facci un accordo con una banca che mi dice che se pago entro il 31 dicembre si sistema il mutuo e posso ottenere la sospensione per un anno visto le difficoltà economiche,io mi procuro i, soldi e non vi divo come,chiamo la banca il 4 dicembre per accordarci sul versamento,la funzionaria mi risponde che mi avvisa lei quando presentarmi,non si fa sentire fino al 6 dicembre,la richiamo mi ridice che in giornata mi fa
    sapere,richiamo ancora e mi sento dire il 7 dicembre che non si può fare più niente,il funzionario della
    banca sede di napoli ha deciso che non si può più aspettare,ma come si può dire una cosa e farne un’altra.
    Morale della favola,io sono davvero stanco,denaro non ne ho per davvero,il 6 ottobre cosa mi dirà il giudice mi versi un quinto di quanto ? chi devo rapinare per procurami quel denaro,ma allora se uno non è un
    farabutto o un delinquente non va avanti in questo paese,tanti si sono offerti di darmi una mano,e ho
    sempre detto pago quel che c’è da pagare ma ditemi prima quanto devo pagare e datemi il tempo per pagare e alla fine sono spariti tutti come sempre,Adesso ho la testa davvero confusa,di notte devo lavorare,la
    piccola impresa artigianale non c’è più,tra qualche giorno non ci sarà più neanche la casa,vedremo cosa
    succederà,adesso proprio non lo so,ma non ho la testa a posto quindi non so.
    buona serata a tutti io vado a farmi questa ennesima notte,ovviamente con contratto settimanale,di meglio non c’è.

  30. spero che la mail sia giusta, Le ho appena scritto, io non abbandono le persone, ma ho spiegato cosa è successo.
    Se non è corretta La prego di scrivermi a [email protected] per me è più facile gestire via mail Le spiegherò privatamente perchè. Grazie.

  31. bruno il said:

    IO POI CI HO PROPRIO LAVORATO, NELLE BANCHE. SE VI PUO’ CONSOLARE , ANCHE COME DIPENDENTE, NON CI SONO AGEVOLAZIONI . UN TIZIO QUALUNQUE, PURCHE’ FACENTE PARTE DI UN’AZIENDA CHE ” PROMETTE ” ALLA BANCA L’ACCREDITO DELLO STIPENDIO DEGLI STESSI, ALL’APERTURA DEL CONTO DISPONE GIA’ DI 2500 EURO DI SCOPERTO PIU’ 2500 DI UTILIZZO CARTE, UN’ALTrO CHE INVECE APRE IL CONTO GIA’ CON UN VERSAMENTO DI ” SOLDINI ‘,DEVE FARE ALCUNI MESI DI QUARANTENA PER DIMOSTRTARE CHE E’ UN BRAVO CLIENTE, SOLO PER AVERE UN SEMPLICE BLOCCHETTO DI ASSEGNI( A PAGAMENTO SI CAPISCE ). MA SE NEL CASO CHE IL DIPENDENTE DI CUI SOPRA HA UTILIZZATO TUTTI I CREDITI DISPONIBILI E NEL CONTEMPO LA DITTA FALLISCE, LA BANCA , CHE NON HA CHE GARANZIE VERBALI, PERDE I SOLDI E NON PUO’ AVVALERSI, NATURALMENTE, NE SULLA DITTA FALLITA NE SUL DIPENDENTE ORMAI DISOCCUPATO, MA LA BANCA HA MOLTE RISORSE, ALCUNE SONO NELLE LETTERE PRECEDENTI A QUESTA bruno

  32. in quel caso, no, alla Banca d’Italia con dimostrazione cartacea, intervento avvocato, la banca ha ammesso errore e corretto, ma dopo mesi. Purtroppo ormai il danno era fatto, e da lì a poco siamo diventati carne da macello per le banche. Avessi l’esperienza attuale e ci fossero state le sentenze della Cassazione odierna, tutto sarebbe stato diverso. Ma tanto la parola fine non è ancora stata scritta, i danni pagati per quell’errore non sono nulla in confronto a quanto dovranno sborsare ora 😉

  33. agserna il said:

    Ciao a tutti.

    Immaginate se noi correntisti avessimo una “centrale rischi” dove poter segnalare le scorrettezze della banca?

    Immaginate se un giorno anche le banche dovessero preoccuparsi nel ritrovarsi “segnalate” presso la centrale rischi dei consumatori?

    Smettete di immaginare perchè tutto questo esiste!!

    Per tutelarci dallo strapotere bancario è nata la prima “centrale rischi” banche che raccoglie e condivide le segnalazioni dei correntisti:

    http://www.votalabanca.it

    Il progetto è recente ed è gradito il supporto di tutti.

    Per tutte le informazioni visitate:
    http://www.votalabanca.it

  34. BRUNO il said:

    ALLA CENTRALE RISCHI BISOGNA SEGNALARE LE BANCHE ” ETICHE” CHE NON CONCEDONO PRESTITI AZIENDALI A CHI HA PIGNORAMENTI EQUITALIA FASULLI .
    EQUITALIA DOVEBBE ESSERE SEGNALATA, A MAGGIOR RISCHIO.

Lascia un commento